La Terra delle Acque

L'Ungheria è davvero la terra delle acque: fiumi maestosi, meravigliosi laghi e sorgenti magiche promettono avventure di ogni tipo! Prendi i remi, il costume da bagno – l'acqua chiama!

Non stupisce che gli ungheresi abbiano così tanto successo negli sport a remi – i nostri fiumi, placidi e tranquilli, sono un campo pratica a cinque stelle sia per i principianti che per i professionisti. Questa però non è terra da kayak estremo; qui puoi divertirti a remare su fiumi che scorrono placidi, e ammirare la natura incontaminata che ti circonda! Sono 28 gli habitat acquatici protetti dall'Accordo di Ramsar: alcuni sono aperti anche ai turisti e molti dei corsi d'acqua dell'Ungheria attraversano dei Parchi Nazionali! I corsi d'acqua più importanti comprendono il Tisza, il Bodrog e il Körös nella parte est del paese; e ancora  lo Szigetköz ("la terra delle Mille Isole"),
il Dráva, il Rába e il Mosoni-Danubio nella parte ovest. Se cerchi un'esperienza davvero romantica, puoi portare la canoa sul Lago Tisza (il secondo per grandezza dell'Ungheria) e pagaiare da una meravigliosa isola all'altra, osservando gli animali selvatici intenti nelle loro attività quotidiane. 

Le escursioni in barca sono una buona scusa per rilassarsi, lasciarsi cullare dallo scorrere delle acque, prendere il sole e ammirare la natura circostante. A Keszthely si possono noleggiare imbarcazioni a motore – basta avere con sé un documento d'identità. Chi invece è alla ricerca di un po' più di velocità e di adrenalina, si affidi pure al Lago  Tisza. Nella baia di Abádszalók (un'area di circa 14 chilometri quadrati) gli sport acquatici sono consentiti – una rarità in Europa! Prova la banana acquatica trainata a motore, il bob acquatico, lo sci o la moto d'acqua, e non dimenticarti di portare con te la tavola da wakeboard!

Una versione più tranquilla e più naturale di divertimento è garantita dalla vela – il Lago Balaton è il luogo da scegliere per una esperienza "coi fiocchi"! Lungo le sponde del lago ti aspettano diversi attrezzatissimi yacht club – noleggia una barca oppure lasciati guidare da un capitano e dal suo equipaggio, scivola dolcemente sull'acqua argentata e goditi la quiete circostante, interrotta solo dal respiro del vento… L'evento più importante per i velisti ungheresi è la gara Nastro Blu - Kékszalag. E' un vero spettacolo: centinaia di barche solcano il lago, punteggiando l'acqua con le loro vele multicolore… Il Blue Ribbon è la regata più prestigiosa d'Ungheria, risalente al 1934 e, con una lunghezza di 160 chilometri, è la gara di circumnavigazione lacustre più lunga d'Europa!

Per tutti coloro che amano affrontare la natura a "mani nude", le numerose gare di nuoto offrono una vera sfida. Il primo ungherese ad attraversare a nuoto il Balaton nel 1880 fu Kálmán Szekrényessy, che completò il percorso di 14 km da Siófok a Balatonfüred in 6 ore e 40 minuti. Sfortunatamente questa distanza si rivelò troppo dura per i principianti, perciò nel 1982 il percorso fu spostato da Révfülöp a Balatonboglár - un totale di 5.200 metri di gara che quest'anno ha festeggiato il suo 30° compleanno con una folla di migliaia di nuotatori entusiasti! Se nell'acqua vuoi solo sguazzare un po', non hai che da scegliere tra le tantissime miniere convertite in laghi del paese. Ma attenzione, non tutte sono balenabili, perciò non dimenticare di informarti presso un ufficio Tourinform prima di partire e fai sempre attenzione ai cartelli!

E' vero, il nuoto è uno sport piuttosto solitario: se hai qualcuno accanto, può essere solo un avversario! Perciò se ami l'acqua e le sfide di squadra, scegli il dragone – una mania che si è diffusa in tutta l'Ungheria negli ultimi anni. Una barca con la testa di un drago a prua, la coda a poppa, il ritmo di un tamburo che scandisce il tempo – è divertimento allo stato puro e anche un bell'esercizio fisico!