La regione dagli orizzonti infiniti

A est del Danubio e a sud delle montagne si trova la terra più piatta e tranquilla d'Ungheria, un pascolo ininterrotto, la Grande Pianura. Bagnata dai fiumi, attraversata dai parchi nazionali, percorsa dai cowboy ungheresi e da mandrie di animali, rigenerata dalle terme, questa è una terra in cui la vita non conosce stress e gli orizzonti sono infiniti.

La zona del Parco Nazionale di Hortobágy, riserva di biosfera e sito protetto dall'UNESCO, ti regalerà l'esperienza di scoprire un immenso spazio aperto proprio nel cuore d'Europa, abitato quasi esclusivamente da gru e altri tipi di volatili e dai bovini grigi dalle corna tortuose. In estate l'aria calda tremolante sulle praterie infinite dà vita a strane illusioni e miraggi.

Questa regione e il parco ospitano il Lago Tisza, una meraviglia naturale e un paradiso per gli sportivi. In questo ambiente idilliaco si può andare a caccia, a pesca, in barca, a piedi, a cavallo, in bici, a nuoto, con la moto d'acqua. La Riserva di Tiszavalk fa parte del Parco Nazionale di Hortobágy ed ospita più di 200 specie di uccelli tra cui gli aironi, le egrette e le cutrettole. Questa è la patria di uno dei piatti più famosi della cucina ungherese: il gulyás (più conosciuto come goulash).

Il Parco Nazionale di Hortobágy ha un'inconfondibile superficie piatta costituita da pianure, prati salmastri e paludi, formatisi in seguito alle piene del fiume Tibisco e dei suoi affluenti. Dal raccordo di ampie aree acquitrinose, si sono formati il lago Tibisco e altri laghi artificiali ricchi di pesci, ora tempio anche degli uccelli che vi nidificano. Per gli amanti del birdwatching, ma anche per i turisti interessati a percorsi classici, imperdibile è il grandioso spettacolo del passaggio delle gru in autunno. È divertente fare una pedalata lungo i canali del Parco Nazionale di Körös-Maros, partendo dalla città di Szarvas.

Ma la Pianura non è fatta solo di idilli rurali. Ci sono anche le città, con tutte le loro comodità, la cultura e il divertimento. Debrecen, la seconda città più grande d'Ungheria, conosciuta come la Roma Calvinista, si staglia sul confine della prateria con la sua meravigliosa piazza principale e l'enorme università. Per un bagno di cultura visita il centro d'arte contemporanea con la sala espositiva più grande dell'Europa Centrale, il Modem.

Fai tappa a Szeged, dove per gran parte dell'anno splende il sole e dove ottimi prodotti hanno origine, ad iniziare dall'inimitabile salame e dalla paprika, immancabile nei piatti tradizionali ungheresi e nella locale zuppa di pesce.

 

Sebbene la Grande Pianura sia la parte più asciutto e soleggiata del paese, da queste parti ci sono tantissime stazioni termali dove ci si può immergere, sguazzare e curarsi. Perché non iniziare con il più grande complesso termale d'Europa, a Hajdúszoboszló? Oppure che ne dici di spostarti su Gyula, dove le terme offrono uno spettacolo grandioso, sia fuori che dentro? Uno stabilimento termale nella zona più verde di Debrecen, dove potrai ritemprarti dopo la frenesia della città suona proprio azzeccato, vero? Ma se hai bisogno di più spazio, c'è un paradiso acquatico di 4.400 m2 a Szeged per rinfrescarti dopo tutte queste incursioni nella  Grande Pianura.